Opera Browser: come ricevere le notifiche di Gmail senza account POP3 e/o widget

Opera e Gmail

Gmail ormai si sta sempre più diffondendo (anche grazie al fatto che non necessita più di inviti per l’accesso) e, diciamocelo francamente: è un servizio fatto “a pennello” per Firefox con il quale si integra perfettamente tramite estensioni di vario tipo.Una delle estensioni più importanti di Firefox che riguardano il mondo Gmail, è sicuramente il notifier tramite il quale riceviamo un avviso ogni volta che arrivano nuove mail nella nostra web-casella.

Per avere questo genere di notifica in Opera Browser si dovrebbe ricorrere ad un widget, ma, francamente l’ho provato e funziona poco e male, senza tener conto del fatto che è decisamente poco comodo da usare. Altra soluzione, sarebbe quello di attivare normalmente l’account POP3 di Gmail in modo da usarlo come un normale servizio di e-mail, adattabile ad ogni tipo di client per la posta elettronica… anche qui il gioco non vale la candela!

“E allora che si fa?” direte voi a questo punto… la soluzione è semplice: riceveremo le notifiche di Gmail tramite il lettore/gestore di feed RSS integrato in Opera Browser. Per farlo, basta accedere normalmente al nostro spazio Gmail e cliccare sulla piccola icona arancione presente nella barra degli indirizzi, accettare l’iscrizione al feed ed il gioco è fatto!

Adesso, l’ottimo gestore di feed RSS integrato in Opera, vi avvertirà ogni volta che ci saranno nuove mail. Per cambiare il lasso di tempo del controllo per le eventuali novità contenute nel feed RSS di Gmail, basta andare nel menù “Feeds” e successivamente su “manage feeds”, selezionate la voce relativa a Gmail e cliccate sul pulsante “Edit” cambiando l’ultima voce dal menu a cascata, ovvero quella riguardante il tempo che deve passare tra un controllo e l’altro… io vi consiglio di impostarla cinque minuti!

Annunci

Una Risposta to “Opera Browser: come ricevere le notifiche di Gmail senza account POP3 e/o widget”

  1. Niccolò Zamborlini Says:

    Non credo che cinque minuti siano una scelta appropriata per incrementare la produttività nell’utilizzo della posta elettronica.
    Il rischio è quello di assoggettarsi alla Twitter-curve

    Essere disturbati da una notifica per una mail (magari una newsletter) ogni cinque minuti significa dover interrompere un lavoro o distrarsi in qualche fase critica che richiede concentrazione per un lasso di tempo ben superiore alla scadenza automatica della notifica.

    C’è chi ritiene che il controllo deve essere attivo (scegliamo noi quando chiedere un aggiornamento) o da 3 a 5 volte al giorno, automaticamente.

    Poi, ovviamente, dipende da contesti e necessità personali.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: